Sudan

04/09/2018
Africa

Situato nella parte orientale del continente africano, di fronte l’Arabia Saudita, il Sudan è il risultato di un incontro-scontro fra differenti culture.

“Culla” del leggendario regno di Nubia, il Sudan fu in seguito conquistato e inglobato nell’impero egiziano, del quale assorbi’ parte delle tradizioni e della cultura. Successivamente invaso dagli inglesi, che lo divisero in Sudan del Nord (grandemente influenzato dai missionari cristiani) e Sudan del Sud (dove è restata la supremazia della religione islamica), nel 1956, il Paese ottenne finalmente l’indipendenza. Da allora, il Sudan fu protagonista di violenti conflitti etnici interni e di guerre civili che si protrassero fino al 2002, quando, con la collaborazione dell’ambasciatore statunitense John C. Danforth (incaricato delle Nazioni Unite), presero avvio le trattative di pace fra il governo sudanese e il SPLM/A.

Oggi la situazione appare essersi normalizzata in quasi tutto il territorio, con la sola eccezione della regione del Darfour, dove persistono le tensioni tra il governo centrale e i ribelli.

Come molti paesi dell’Africa, il Sudan possiede un ricco e vasto patrimonio culturale, composto di proverbi, miti e leggende che ne hanno veicolato e condizionato gli usi e i costumi. Nel corso del 1900, è stata intrapresa un’opera di trascrizione di questa immensa tradizione (solo orale), ad opera di alcuni studiosi oralisti, come il maliano Amadou Hampâté e il guineiano Djibril Tamsir.

Oggi, nonostante questi importanti tentativi di apertura e trasmissione della propria cultura, il Sudan resta un Paese ancora saldamente legato alle proprie tradizioni, espressioni di un mondo “mitico”, dove il il “rito” possiede ancora tutta la sua forza e leggittimità. In Sudan sono presenti circa 500 gruppi etnici che parlano più di mille dialetti e rappresentano dunque un mosaico etnico tra i più compositi dell’Africa.

Nel territorio del Nord, detto nord islamico, si parla arabo: l’Islam è l’elemento socio-religioso di coesione per culture e razze così diverse. Tra le popolazioni presenti nelle zone desertiche del Nord, ci sono i Nubiani che sono i diretti discendenti delle prime popolazioni che si accamparono sulle rive del Nilo a sud di Assuan, i Beja che abitano le zone montagnose del Mar Rosso, i Fur nella zona della montagna sacra Jebel Barkal, i Biked e gli Hasalit e i Kababish nella zona centrale del Darfur e del Kordofan.

Stiamo organizzando un Viaggio in Sudan: Deserto e archeologia. Per saperne di più e prenotare clicca qui